Gli aerei telecomandati arriveranno presto, ma non tutti sono a bordo
Gli aerei passeggeri potrebbero essere volati senza un pilota nel prossimo decennio, secondo un nuovo studio.

La ricerca è stata condotta dalla banca d'investimenti UBS , che ha scoperto che è in fase di sviluppo una nuova tecnologia che renderebbe possibile il volo remoto di un aereo nel prossimo futuro.

Gli aerei senza pilota potevano salvare le compagnie aeree 27 miliardi di sterline e ridurre le tariffe per i passeggeri, che potevano vedere un calo dei prezzi di oltre il 10 per cento. Il rapporto diceva: "La percentuale media del costo totale e del beneficio medio che potrebbe essere trasferito ai passeggeri nella riduzione dei prezzi per le compagnie aeree statunitensi è dell'11%." Il risparmio sui voli europei sarebbe inferiore al 4% medio.

I maggiori risparmi deriveranno dalla riduzione del costo di utilizzo dei piloti. UBS ha stimato che i piloti costano all'industria 24 miliardi di sterline l'anno. Lo studio prevede che i voli saranno più sicuri poiché il potenziale di errore del pilota verrà rimosso.

 
Boeing ha deciso di iniziare a testare gli aeroplani auto-volanti
I passeggeri aerei, tuttavia, sembrano preoccupati di viaggiare in un aereo telecomandato. Più della metà delle 8.000 persone intervistate da UBS (54%) ha dichiarato di rifiutarsi di volare su un aereo senza pilota, anche se il volo costa meno.

Gli intervistati tra i 18 e i 34 anni e quelli che avevano un diploma universitario erano più disposti a volare senza un pilota. Il rapporto diceva: "Questo fa ben sperare per la tecnologia man mano che la popolazione invecchia".

UBS ha suggerito che inizialmente il tradizionale set di due piloti sarà ridotto a un pilota di bordo e un pilota a terra. I jet commerciali utilizzano già i computer per molte funzioni, tra cui decollo, crociera e atterraggio.

 
La tecnologia di base per pilotare gli aerei senza piloti esiste già. I droni militari sono gestiti da remoto e lo studio dice che questa tecnologia potrebbe essere adattata per controllare gli aerei commerciali.

Boeing è destinato a testare gli aerei senza pilota il prossimo anno e il vicepresidente per lo sviluppo dei prodotti dell'azienda, Mike Sinnett, ha dichiarato: "Gli elementi base della tecnologia sono chiaramente disponibili".

Tuttavia, non tutti sono così convinti da questi sviluppi tecnologici. Steve Landells, specialista della sicurezza del volo BALPA ed ex pilota, ha dichiarato: "Abbiamo timore che, nell'eccitazione di questa idea futuristica, alcuni possano dimenticare la realtà del viaggio aereo senza pilota.

"L'automazione nel cockpit non è una novità: supporta già le operazioni. Tuttavia, ogni giorno i piloti devono intervenire quando gli automatismi non fanno quello che dovrebbero. 

"I computer possono fallire, e spesso lo fanno, e qualcuno sarà ancora necessario per lavorare su quel computer. La maggior parte di noi possiede una sorta di dispositivo elettronico che può fare cose incredibili - tuttavia, è ancora necessario un essere umano per gestirlo. 

"I nostri membri ci dicono che l'intervento pilota sarà sempre necessario, e poiché ciò richiede un contatto diretto con la situazione, non crediamo che il" volo senza pilota "sarà mai una realtà - ciò che è più probabile che accada è che i piloti vengono spostati a terra invece di essere a bordo.

"Metteremo in discussione la sicurezza di questo, a causa della diminuita responsabilità e del processo decisionale operativo"

 

 

 

 

 

Droni professionali

Di seguito vengono presentati alcune applicazioni in ambito civile per gli APR:
Sicurezza territoriale, delle frontiere e lotta ai narcotrafficanti
Gli Stati Uniti nel 2011 hanno iniziato una collaborazione col Messico per arginare il fenomeno dell'immigrazione clandestina e del traffico di sostanze stupefacenti attraverso il loro confine. L'esercito statunitense ha iniziato ad impiegare i propri aeromobili a pilotaggio remoto nei cieli del Paese vicino in seguito all'uccisione dell'agente dell'immigrazione Jaime Zapata, freddato da alcuni uomini armati nel Nord del Messico il 15 febbraio 2011. Le azioni congiunte USA-Messico sono state definite dai due presidenti Barack Obama e Felipe Calderón, con la finalità di adottare una strategia aggressiva per mettere fine all'escalation di violenza dei trafficanti di droga (negli ultimi anni questa "guerra" silenziosa ha causato circa 34 000 vittime). Gli APR verranno impiegati per segnalare i movimenti e la forza numerica dei narcotrafficanti, informazioni che vengono subito comunicate agli agenti sul territorio. Volano a 18 000 metri d'altezza, praticamente invisibili da terra, e in un solo giorno possono controllare minuziosamente un'area di circa 100 000 chilometri quadrati. 
 
Monitoraggio siti Archeologici, contro la depredazione e il commercio illegale di reperti
Chiaro esempio il monitoraggio dell'antichissima necropoli di Fifa (Giordania) ad opera dei Droni. La soluzione valida, considerando anche la difficoltà oggettiva di avere e reperire personale in zone militarmente attive come il Medio Oriente.
Monitoraggio con drone centrali termoelettriche e impianti industriali
Gli APR possono essere utilizzati anche per monitorare nel tempo gli impianti di produzione di energia elettrica, o più in generale impianti industriali, utilizzando sensori (termocamere, camere multispettrali ecc.).
Telerilevamento
Il telerilevamento, in inglese Remote Sensing, è la disciplina tecnico-scientifica o scienza applicata con finalità diagnostico-investigative che permette di ricavare informazioni, qualitative e quantitative, sull'ambiente e su oggetti posti a distanza da un sensore mediante misure di radiazione elettromagnetica (emessa, riflessa o trasmessa) che interagisce con le superfici fisiche di interesse. Grazie alla possibilità di volare anche a quote molto basse e di disporre di sensori di piccole dimensioni ma di buona qualità, gli APR appartenenti in particolare alla categoria mini possono essere utilizzati per applicazioni legate al telerilevamento quali la creazione di mappe di vigore di colture agricole e monitoraggio dello stato di salute della vegetazione, la creazione di mappe di copertura e uso del suolo, per l'analisi e il supporto nelle fasi immediatamente successive a calamità naturali oppure per il monitoraggio e la mappatura delle dispersioni termiche di edifici (case, capannoni, impianti industriali) privati e pubblici in un periodo, come quello attuale, in cui si parla molto di sviluppo sostenibile e perdita di terreno da destinare ad aree verdi.
Aerofotogrammetria e rilievo dell'architettura
La fotogrammetria è una tecnica di rilievo che permette di acquisire dei dati metrici di un oggetto (forma e posizione) tramite l'acquisizione e l'analisi di una coppia di fotogrammi stereometrici. Con l'avvento delle camere digitali di ridotte dimensioni (compatte o reflex), ma che possono garantire un elevato standard qualitativo relativamente all'immagine prodotta, la fotogrammetria può essere accostata agli APR e al loro utilizzo per la creazione di Modelli digitali del terreno (DTM), produzione ortofoto e, allo stesso tempo, per il rilievo architettonico di infrastrutture ed edifici per la creazione di modelli 3D. 
Monitoraggio ambientale e calamità naturali
 

 

Droni

Gli APR possono essere utilizzati per il monitoraggio con drone degli animali selvatici e il controllo numerico periodico per quelle specie con un alto tasso di riproduzione che potrebbero essere un problema sia per la biodiversità dell'ambiente in cui vivono sia per quanto riguarda i danni economici causati alle produzioni agricole e zootecniche presenti sul territorio.
Operazioni di ricerca e soccorso
I droni possono svolgere un ruolo importante nelle operazioni di ricerca e soccorso consentendo di effettuare delle ricognizioni in tempi rapidi, in particolare a seguito del verificarsi di situazioni di emergenza.

phantom 4 pro

 

 

Videoriprese e fotografie ispezioni fotogrammetria e termografia in generale

 

 

 

dji phantom

 

 

 

 

Scopri di piu sulla tecnologia e sul mondo del drone.

 

Stampa 3d prototipi